• Kate Chang

FAQ #1 - 4

DOMANDE FREQUENTI

Grazie per aver visitato il nostro sito web.  Recentemente, molti brand e designer hanno posto domande, che abbiamo notato essere state ripetutamente poste a noi da diversi brand, e pensiamo che queste domande rappresentino una curiosità collettiva. Vogliamo riprendere qui pubblicamente queste domande, in una specie di FAQ (Frequently Asked Questions - domande poste frequentemente) che aggiorneremo in una serie di post.  #1 - D: Lei lavora con molti designer, e nonostante io non dubiti che alcuni dei brand avranno successo, la maggior parte di questi brand probabilmente non avrà successo così facilmente. Come può garantire l’interesse di questi altri designer, coloro che non avranno successo? Dato che il contratto è perpetuo, se io non sono di successo, rimango intrappolato. Cosa posso fare? R: Questa è un’ottima domanda. Noi siamo totalmente d’accordo che non tutti i brand avranno successo. Ho fiducia che coloro che davvero raggiungeranno un grande successo, e diventeranno brand molto famosi, non saranno la maggioranza. Ma prego di pensare a questo, come dovremmo vedere questo “successo”? Da una prospettiva di business, portare un brand sconosciuto, a diventare un brand che molti consumatori riconoscono e che in generale piace, questo è considerato un successo. Ma dall’altra prospettiva, anche se alcuni brand non sono diventati di grande successo al punto da diventare brand famosi, ma comunque fanno soldi, anche questo dovrebbe essere considerato un successo. Perché la pensiamo in questo modo? La ragione è che: Prima di tutto, i consumatori cinesi da tempo portano in sé un amore e ammirazione per i brand di moda italiani, francesi, ed europei in generale. Sostengo che la maggioranza degli europei abbiano visto con i propri occhi i turisti cinesi venire nel continente e comprare beni di lusso freneticamente. Questa è la dimostrazione che i brand di moda in Europa abbiano un livello molto alto di riconoscimento di mercato in Cina.  In Cina vi sono 167 città con almeno 1 milione di abitanti. Alcune di queste città hanno popolazioni che superano i 10 milioni, per esempio Pechino, Shanghai, Guangzhou, e Shenzhen, comprese molte altre città. Questo non include nemmeno i paesi circostanti che hanno città con popolazioni che superano l’1 milione di abitanti. Per esempio, Tokyo, Osaka, Seoul, Singapore, Kuala Lumpur, Bangkok, solo per nominarne alcuni, e di conseguenza il totale delle città che hanno più di 1 milione di abitanti nel nostro territorio è di quasi 200. Per questo, se sotto la peggior circostanza, la collezione di un brand in collaborazione vende solo 1 pezzo di ogni stile, ogni mese in ognuna di queste città, i guadagni sono comunque abbastanza significativi. Ciò che voglio dire con questo è che, per esempio, se in una collezione che comprende 30 stili, ogni mese si vende 1 pezzo per ogni stile in una città, il totale sono 30 pezzi venduti. In un anno, sono 360 pezzi venduti. In 200 città, sono 72.000 pezzi venduti in un anno. Se ci basiamo sulla quota di fatturato che dobbiamo pagare ai nostri brand in collaborazione come parte del nostro accordo, allora il profitto del brand, che è un profitto netto, è in realtà molto promettente. Sostengo che i nostri brand in collaborazione possano calcolare loro stessi quale sarebbe il totale. Questo forte guadagno non è grande abbastanza da essere considerato un successo? E questi sono guadagni percepiti senza che il brand abbia dovuto impiegare alcun investimento finanziario in operazioni; è un puro profitto per il brand, dato che non deve assumersi il costo di campionario, fornitori, sviluppo, pubblicità e promozione, e nemmeno d’inventario. L’unico investimento da parte del brand sono le proprie idee, e il proprio tempo.  Quindi, nuovamente, questo conta come “successo”? Riteniamo che la risposta sia un risonante “sì”.  Confidiamo nel fatto che, se il brand adatta i propri design continuamente e segue le tendenze e i cambiamenti della Cina, e  Comunque propone il proprio talento e visione del design, la quantità di vendite continua ad avere possibilità di crescita. Di conseguenza pensiamo che questo sia effettivamente una opportunità di cooperazione molto favorevole, perché l’enorme mercato di consumatori cinese, e la sua classe media in veloce crescita, forniranno a questi brand l’opportunità di mostrarsi in questo gigantesco palco. Allo stesso tempo, abbiamo anche fiducia che se si ha passione e davvero accoglie questo mercato, in Cina, allora indipendentemente, si troveranno i consumatori che vengono incontro al proprio gusto, anche se non rappresenta la fetta più grossa del mercato, è comunque abbastanza da essere resi di successo. L’unico modo per arrivarci è di continuamente, pro-attivamente, comprendere il mercato, e se lo si accoglie con entusiasmo investendo sangue, sudore e lacrime, allora ho fiducia che il mercato della Cina darà assolutamente un ritorno significativo.  Di nuovo, riteniamo che il mercato cinese non deluderà i nostri brand in collaborazione; a meno che ci sia mancanza di passione e determinazione nel brand. 

#2 - Domanda: Lei e la Sua azienda non avete alcuna esperienza nella moda, come potete fare un progetto di moda così grosso? La moda è un’industria che può sembrare molto semplice, ma in realtà è molto complessa e dettagliata. E’ possibile che Lei ne abbia sottovalutato la complessità, e l’expertise richiesta per operare in questo mercato?

Risposta: Anche questa è una domanda molto naturale da chiedere. In effetti, noi siamo una nuova azienda, e come fondatrice dell’azienda, nel mio background, ho raccolto conoscenza solo nella legge e nel venture capital. In questo mondo, tuttavia, in molte cose non è necessario avere esperienza in modo da raggiungervi successo.

Per esempio, Jack Ma, colui che ha fondato Alibaba.com, non era un esperto di computer, ma ha creato una delle più grosse aziende di e-commerce in Cina, e al mondo. Elon Musk, per esempio, non era uno specialista d’ingegneria aerospaziale, ma ha creato SpaceX, ed è vicino a raggiungere un obiettivo in cui nessuno era riuscito prima di lui, ridurre i costi dell’esplorazione spaziale con l’obiettivo di colonizzare Marte. Steve Jobs, il fondatore della Apple, ha completamente rivoluzionato come gli essere umani interagiscono l’un l’altro con l’avvento degli iPhone più di un decennio fa, e lui stesso non ha mai scritto una linea di codice.

Queste sono conquiste monumentali. Tutti questi individui condividono abilità geniali.

Allo stesso tempo, comunque, dietro ad ogni storia di successo vi è, e deve esserci, la forza del capitale per sostenerlo.

Nel nostro caso, noi assumeremo un team sostanziale di persone che hanno esperienze specifiche nel settore, inclusi gli esperti in produzione e fornitura, stylist, visual merchandiser, e brand manager, e in Italia, Francia e altri paesi dell’Europa, assumeremo fashion editor e scrittori per cooperare con i nostri editor in Cina e nel resto dell’Estremo Oriente, per creare un team molto professionale e con esperienza che aiuterà i nostri brand in collaborazione con la loro promozione e le vendite, e che lavoreranno con questi per mettere a punto la strategia del loro brand.

Naturalmente, vi sono altri metodi che utilizzeremo, per coprire il fatto che non abbiamo quell’esperienza specifica nel mercato della moda. Vorrei condividere con ogni persona qui, il detto che ho spesso sentito dire a Wall Street: “Il capitale è l’entità più intelligente al mondo”. Dal momento che abbiamo deciso di investire nell’industria della moda, nonostante ci manchi esperienza in essa, nel mio background, io ho più di 10 anni di esperienza nel venture capital in diversi paesi, inclusi la Cina, Hong Kong, Taiwan, Giappone e Silicon Valley; e naturalmente dobbiamo considerare le nostre debolezze e le nostre forze. Non possiamo fare investimenti ciecamente, perché come ho menzionato, il capitale è l’entità più intelligente al mondo.

Prima di lanciarmi in questa industria, dopo essermi laureata alla Uc Berkeley, ho speso un breve tempo assistendo un designer emergente a New York City, il suo nome è Eddie Borgo, e questo mi ha permesso di avere una comprensione interna delle operazioni e le strutture che un brand emergente deve affrontare all’inizio della propria crescita.

Il resto della mia esperienza professionale non è stata nella moda, ma anzi nell’investimento e nella finanza, e come attrarre il capitale in un progetto e guadagnarne il supporto finanziario per la crescita di questo. In questo ho più di 10 anni di esperienza. Nel campo dell’investimento ho relazioni molto vicine e dirette con aziende d’investimento di successo, e persino miliardari. Ho mantenuto una buona comunicazione con queste aziende ed individui. Di conseguenza, per me, e per qualsiasi buon progetto che incontro, che sia il mio proprio o quello di qualcun altro, non sarà mai un problema l’avere abbastanza forza finanziaria. Il finanziamento è la mia specialità, e in questo noi non incontriamo ostacoli. Per questo, ed i più di 10 anni che ho alle spalle nell’industria dell’investimento, sono totalmente sicura di me.

Sono convinta che, a qualsiasi buon progetto, non mancherà mai finanziamento.

#3 - D: Io sono solo uno dei tanti, tanti brand che Lei selezionerà; mi sento come una goccia in un oceano. Come farà ad avere il tempo e l’energia di concentrarsi su di me, le Sue risorse non saranno troppo diluite? Questo sembra un grosso ostacolo al mio successo.

R: Per rispondere a questa domanda, prima di tutto, spero che possiamo prima rendere chiaro che il nostro mercato è la Cina, e il resto dell’Estremo Oriente. Non è l’Europa. Le dimensioni di questo mercato rendono impossibile il fatto che solo un brand possa prendersi tutto il mercato per sé.

In Cina, il nostro mercato principale, vi sono diversi stadi di sviluppo nel paese. Non è una società omogenea. La Cina ha 56 minoranze etniche diverse, parlano diverse lingue, e vi sono diverse religioni, intatti il paese si trova in diversi stadi di sviluppo economico. Vi sono forti variazioni.

Dato che lo sviluppo economico del paese è disequilibrato, anche il livello dei consumatori è diverso; allo stesso tempo, ciò che cercano, i loro gusti e preferenze, anche questi saranno naturalmente abbastanza diversi.

In breve, questo mercato ha diverse necessità a diversi livelli, e diversi gusti e preferenze, persino diversi poteri d’acquisto; abbiamo identificato i brand che riteniamo possano soddisfare le necessità di ognuno di questi livelli diversi, gusti, preferenze, e diversi livelli di potere d’acquisto. Siamo certi che ognuno dei brand con i quali noi cooperiamo, possa trovare il proprio spazio e raggiungere una fetta di mercato in questo enorme mercato, e guadagnarsi il rispetto e l’amore dei consumatori nei confronti dei propri design.

In realtà crediamo fortemente che nessun brand che si unisca a noi possa sminuire il talento o il valore dell’altro, o permettere che l’altro perda la propria luce. Nessuna inclusione di un altro brand permetterà che l’altro passi in secondo piano, o che non venga notato dal mercato. Questo non è un gioco a somma zero. Il mercato è semplicemente troppo grande, ed ogni brand dovrà seguire un approccio separato e distinto, e naturalmente la strategia sarà diversa.

Se i brand sono sicuri del proprio punto di vista originale, e sono pieni di passione ed entusiasmo, disposti a investire le proprie forze in comunicare la visione del proprio brand, allora assolutamente crediamo che la loro luce risplenderà nel mercato.

La questione è che, basandoci sul senso comune, nessun brand può raggiungere l’amore di tutte quante le persone. Vorrei incoraggiare ogni brand, o lettore, a non pensare con una prospettiva puramente europea, perché questo potrebbe portare ad errori di giudizio. Vi prego di provare a vederla dalla prospettiva del nostro mercato - è veramente molto, molto grande e variegato.

Vi prego anche di immaginare, se cooperassimo con solo qualche brand, questo porterebbe a problematiche per la strategia generale e l'acquisto del consumatore di ognuno di questi brand. Soltanto con una grande quantità di brand, il consumatore visiterà, e persino rimarrà, con ogni brand individuale.

Quindi, voi potreste domandarvi, come facciamo in modo che i consumatori vogliano ascoltare la storia di questi piccoli brand, quando ve ne sono così tanti nello stesso posto?

In realtà è in questo che risiede la parte chiave della nostra strategia. Questa grande quantità di altri brand, aiuterà ogni brand individuale a spiccare ed essere notato.

Questo è lo stesso concetto di come quando andiamo a fare shopping. La maggior parte delle persone preferirebbero andare in un negozio in una strada dove non vi è nient’altro, se non quel solo negozio, o preferirebbero andare in un distretto di shopping movimentato, dove vi sono strade comprendenti diversi negozi? Penso che la risposta sia abbastanza ovvia.

Non importa se stiamo parlando di moda, o di ristoranti, o altri tipi di esperienze di consumo, questo impulso è universale, anche quando si tratta di e-commerce. Ogni ristorante vuole aprire vicino ad un’area dove vi sono molti altri ristoranti, nonostante la concorrenza, perché quello è il luogo dove le persone penseranno di andare quando sono affamate. Questo comporta che l’esposizione di quel ristorante cresca molto rapidamente; alcuni consumatori magari non sceglieranno di andare in quel ristorante oggi, ma potrebbero scegliere di farlo domani.

Allo stesso tempo, quando si tratta di e-commerce e negozi virtuali, nessuno si interesserebbe nel vedere un sito con soli 20 brand; vogliono venire in un sito con diverse scelte, in modo che possano fare la propria selezione. Questo è un’ulteriore dimostrazione di ciò che voglio dire, ovvero, il potere di attrarre i consumatori risiede completamente in quante opzioni e scelte si possono offrire al consumatore, in modo che abbiano un’esperienza più ampia. Questo concetto vale per qualsiasi industria.

Per questo motivo abbiamo creato i supermercati, Amazon, e Alibaba. Qualsiasi brand avrà esperienza di un grande aumento delle proprie vendite, dato dal fatto di essere inseriti su Amazon o Alibaba. Il fatto che vi sono molte altre opzioni in queste piattaforme, non avrà un impatto negativo sulla loro crescita.

Se cooperiamo con solo 20 brand, per esempio, in un mercato con quasi 2 miliardi di persone nella regione, chi davvero presterà attenzione ai nostri 20 brand?

Le storie dei brand con i quali noi cooperiamo non sono lunghe, e non hanno ancora l’eredità stabilita e la costruzione della storia nel tempo che molti brand affermati hanno, quindi è molto difficile creare in poco tempo quel tipo di presenza incrollabile come brand riconosciuto.

Allo stesso modo, ciò che vorrei domandare, un giornalista di una pubblicazione famosa a livello globale come Vogue, sarebbe più disposto ad andare in una piattaforma con molti, molti brand, per trovare la prossima star della moda, o preferirebbe ricercare attraverso social media o altre strade per trovare brand che potrebbero non essere largamente conosciuti? È abbastanza chiaro che apprezzerebbe e verrebbe in una piattaforma che ha molti brand, e osserverebbe la reazione dei consumatori e come stanno andando, insieme in questa piattaforma. E a quel punto potrebbe pensare a come inserire ognuno di questi brand nelle proprie pubblicazioni.

Vi prego di immaginare, se nel futuro lanciassimo i nostri eventi di moda e sfilate per questa regione, e avessimo solo 20 brand, anziché centinaia di brand, da mostrare a questo enorme mercato, le persone vorrebbero venire al nostro evento di soli 20 brand, o ad un evento con diverse centinaia di potenzialità che potrebbero attrarre i loro interessi, che si contendono la loro attenzione? Ho fiducia che questa risposta sia molto ovvia.

Chiederei ad ogni brand di domandarsi, se nel caso qua sopra la loro esposizione aumenterebbe, o si ridurrebbe con la partecipazione di più brand in collaborazione? In questi eventi bisogna considerare quante persone verranno, se solo 20 brand vengono mostrati contro diverse centinaia di questi?

Allora la potenzialità di esposizione di ogni brand migliorerebbe o diminuirebbe con questi grandi numeri di brand in collaborazione?

Noi abbiamo fiducia nei brand che selezioniamo, in quanto conosciamo quali sono le necessità nel nostro mercato. E quindi, riteniamo che in Cina e nel resto dell’Estremo oriente vi sono persone a cui piacerà ciò che ogni brand presenta. Attraverso le nostre interazioni con ognuno di questi brand, nel corso di una lunga comunicazione, abbiamo acquistato fiducia che questi brand possano avere successo, insieme alle nostre attività.

Vi predo anche di capire, che se i nostri brand in collaborazione non riuscissero ad avere successo, i primi a perderci saremmo noi.

Noi non chiederemo a nessuno dei nostri brand in collaborazione di pagarci tasse o denaro, né oggi, né mai; i costi delle operazioni cadono sulle nostre spalle, dal campionario, fornitori, sviluppo, produzione, promozione e costi di vendita e oltre. Di conseguenza, a noi interessa persino più del brand stesso che questo possa raggiungere il successo il prima possibile, nei nostri mercati. Prendiamo ogni brand in collaborazione con lo stesso livello di serietà ed entusiasmo - e dedicheremo tempo ad ognuno per pianificare ed elaborare strategie; se non lo facessimo, staremmo assumendo azioni che potrebbero danneggiare noi stessi.

Capiamo profondamente quanto sia importante comunicare con il brand per raggiungere una comprensione reciproca attraverso quella comunicazione, e quanto questo sia cruciale per la promozione della strategia del brand. Di conseguenza, noi forniremo più assistenza e consiglio possibile, e lavoreremo a stretto contatto con ognuno di questi brand, nell’aiutarli ad attrarre l’attenzione di questi consumatori potenziali. Utilizzando vari metodi, noi permetteremo ai fan di sentire i principi della moda e il polso del brand che sono venuti ad ammirare. Questo è nei nostri interessi, e nell’interesse del brand, quindi è nostro migliore interesse reciproco.

Ho fiducia che chiunque stia leggendo questo, e qualsiasi brand con il quale siamo entrati in contatto, con queste spiegazioni capirà ancora meglio il nostro approccio. Speriamo anche che possano capire perché, cooperando con altri brand, questo non toglierebbe la nostra concentrazione e non causerebbe una mancanza da parte nostra nei confronti di alcun brand in collaborazione. Perché ciò che noi possiamo fare è dare ad ogni fiore di questo giardino la possibilità di sbocciare liberamente, provare e smuovere il proprio pubblico con la propria bellezza, estetica e impatto. Questo è il nostro obiettivo, ed è di nuovo dove risiede il nostro interesse. Pertanto, non è l’aggiunta di altri brand che danneggerebbe le possibilità di alcun brand; ma anzi, la perdita di fiducia del brand in sé stesso, o perdita di passione, questo causerebbe un vacillamento.

Sappiamo che non tutti i brand avranno immediatamente successo. Vi saranno molti brand che incontreranno difficoltà e alti e bassi. Possiamo assolutamente prevederlo. Ma sentiamo anche che, dal momento che rimaniamo convinti che i principi della moda dei brand con i quali noi collaboriamo abbiano la capacità di invocare una reazione emotiva per, in qualche modo, smuovere questi consumatori nella nostra ragione, allora possiamo rimanere sicuri nel nostro entusiasmo per il brand e continuamente lavorare con questo, scambiando informazioni e comunicando per continuare a migliorare, presentare e divulgare il loro messaggio al pubblico. Sotto queste circostanze, abbiamo fiducia che alla fine potremo gradualmente accorciare la distanza tra il consumatore e il brand, e renderli dei fan, e creare un tipo di ammirazione fervente nei confronti del brand. Questo è un lavoro molto complesso e meticoloso. Noi abbiamo passione per questo lavoro e ci sentiamo entusiasti di avere anche solo l’opportunità di fare questo genere di lavoro. Di conseguenza, abbiamo totale entusiasmo e manterremo per sempre questa energia. Questo è un fondamento importante attraverso il quale, mentre ci adeguiamo e adattiamo costantemente al mercato, i nostri brand in collaborazione possono ottenere il successo nella nostra regione.

Quindi pensiamo che più vi sono brand che sentiamo abbiano un buon potenziale di essere amati dai nostri mercati che si uniscono a noi, più è grande l’esposizione che avremo in questo mercato. Perché i consumatori di diversi livelli, e diverse regioni, saranno disposti a visitarci nei nostri negozi offline e online, e di conseguenza anche l’esposizione di ognuno dei brand con i quali noi collaboriamo aumenterà.

E dato questo aumento dell’esposizione, vi è innegabilmente un impatto positivo nell’aiutare ogni brand ad aumentare il proprio valore nel mercato. Allo stesso tempo, abbiamo fiducia che data la scala massiccia del mercato in sé, questo possa senza dubbio assorbire e assumersi la presenza di diversi centinaia di brand nel mercato. Ognuno di questi brand gioca un ruolo diverso in questo mercato, e di conseguenza abbiamo la forte convinzione che i brand che si uniscono a noi e che verranno incontro alle diverse necessità del mercato, saranno un’aggiunta, e non qualcosa di negativo, per i brand con i quali noi già collaboriamo. Allo stesso tempo, data l’aggiunta di molti brand, naturalmente, vi sarà apprendimento e competizione tra tutti loro. Questo stimolerà l’”anima” di ogni brand nello scavare profondamente e creare pezzi ancora più spettacolari, in modo da essere ancora più amati. Crediamo fortemente che questo stimolerà il miglioramento e la crescita di ogni brand.

Naturalmente, non continueremo ad aggiungere brand senza fine; come ho scritto in un aggiornamento precedente, quando sentiremo che vi sono troppi brand che rappresentano un segmento o estetica, smetteremo di aggiungerne altri in quella categoria. Rivaluteremo in 3 o 5 anni, e cercheremo ancora altri brand potenziali, perché a quel punto le prospettive della moda, le tendenze e anche i principi potrebbero esser cambiati, e nuovi concept appariranno. Spero che questa spiegazione risponda accuratamente alle domande potenziali riguardo a questo punto. Allo stesso tempo, se qualsiasi brand ha un’opinione diversa, sono ben disposta ad avere una discussione dettagliata in privato o via chiamata telefonica.

#4 - D: Come posso avere la certezza che diciate la verità riguardo quanto state producendo e vendendo, e che non stiate occultando i veri quantitativi così da pagarmi meno di quanto ho guadagnato? Non conosco la Cina, e non ho la possibilità di controllare quanto abbiate veramente prodotto o venduto. In queste circostanze, come posso non essere preoccupato, e come posso proteggere i miei interessi in quanto brand?


R: Noi capiamo appieno queste preoccupazioni; e se i nostri ruoli fossero invertiti, avremmo le stesse preoccupazioni.


In primo luogo, voglio spiegare che tutti i prodotti venduti, gli stili e le quantità ed i prezzi, vi saranno visibili tramite la nostra piattaforma di gestione, dopo aver fatto il login con la vostra password potrete vedere tutte le informazioni riguardo le vendite e la produzione. Perciò non dovete mai aspettare un report di vendite alla fine della stagione, potete vedere immediatamente ed in qualunque momento come sta andando il brand. Noi intendiamo essere totalmente trasparenti.


Ma nonostante questo, potreste preoccuparvi del fatto che potremmo prendere i vostri design e produrre in segreto più pezzi o venderli senza che lo sappiate, senza mettere le informazioni sulla piattaforma, ed io penso che questi siano punti molto validi. Potremmo potenzialmente farlo, la verità è che non c’è garanzia che voi sappiate se stiamo comportandoci così o meno.


Tuttavia, la verità è che abbiamo collaborazioni con diverse centinaia di designer. Se dovessi farlo una volta, violare la fiducia di un brand, credete che quando questo viene scoperto, che il nostro business possa sopravvivere? Certamente no, perché nessun altro brand si fiderebbe più di noi. Tutto le nostre attività, soldi, ed investimenti nel costruire il nostro progetto nell’assumere il nostro personale, la gestione, andrebbe tutto sprecato, perché perderemmo la fiducia dei nostri brand; smetterebbero di lavorare con noi, e la linfa vitale del nostro business sarebbe perso. Perderemmo tutto e dovremmo chiudere. Credete che io, o chiunque, farebbe mai qualcosa che mette a rischio un investimento del genere, per qualcosa con un potenziale di guadagno così piccolo in termini relativi? Cercherei io di evitare di pagare un brand il loro profitto concordato, con il rischio di perdere l’intera reputazione del nostro business, ed il suo futuro?


Se foste in noi, lo fareste? Io non credo, e credo che nessuno al mondo farebbe qualcosa del genere, perché è contro la natura umana rischiare tutto ciò che si ha, per guadagnare qualcosa che in confronto è davvero piccolo. Il nostro obiettivo è investire nel nome di ogni brand per crescere con loro, costruire brand riconosciuti a livello globale insieme nel tempo, e ciò è qualcosa che richiede delle fondamenta molto forti di fiducia e comunicazione. Se le rompiamo, è la fine del nostro business, quindi non ne vale la pena per noi.


Di conseguenza, a meno che non siamo completamente folli, non faremmo qualcosa di così sciocco, che danneggerebbe i nostri stessi interessi, e distruggerebbe il nostro business e la nostra reputazione. Ciò che otterremo, in confronto a ciò che potremmo perdere, è totalmente sproporzionato in questo caso, e per questo ci è molto chiaro che non comporteremmo in tale maniera.


Ringrazio per il tempo dedicato. 

Kate Chang

​CEO

Recent Posts

See All

AGGIORNAMENTO #9 - 4 Agosto 2020

In questo mese di agosto, YMYX e il nostro team saranno a Milano per incontrare quasi 500 marchi e diverse centinaia di produttori e forn...

goinghome.gif

© 2020 YMYX